Facebook  Redazione
MENU
Italian English French German Russian Spanish
Comuni della Riviera dei Cedri

Orsomarso

Orsomarso

E' un comune di circa 1.300 abitanti situato a 120 metri s.l.m. Orsomarso è un piccolo borgo di origine medievale facente parte del Parco Nazionale del Pollino; esso da il nome alla Catena montuosa dell'Orsomarso che costituisce l'espansione sud-occidentale del Parco Nazionale del Pollino: uno dei più estesi d'Europa; la sua cima più elevata (il Cozzo del Pellegrino, 1987 metri s.l.m.) sfiora i 2000 metri, ma la loro unicità è costituita dall'esistenza, soprattutto lungo le pendici della Montea (metri 1825 s.l.m.), del Pino Loricato e del Pino Nero. Altra caratteristica del Parco è la presenza di particolari specie faunistiche, come il lupo appenninico, la lontra, il capriolo autoctono, l'aquila reale, il tasso, l’istrice, il picchio nero, il falco pellegrino, il gufo reale, il corvo imperiale e la coturnice. Seminascosto fra alte rocce di natura carsica e immerso in boschi di macchia mediterranea, Orsomarso è sicuramente uno degli angoli più selvaggi ed affascinanti dell'Italia meridionale. Il suo territorio è interamente attraversato dalle limpidissime acque del Fiume Argentino, prima della confluenza nel Lao. Le origini di Orsomarso risalgono all'epoca romanica. Probabilmente, lungo la valle del fiume Lao, attraversata da mercanti e navigatori achei, etruschi e greci, era sta sistemata una fortezza militare a scopo difensivo. A testimonianza di ciò la colonna spezzata (basamento sacrificale) attualmente posta dietro la chiesa del SS Salvatore, che sembra proprio avere un' impronta romanica. Altro reperto è la colonna tortile all'entrata della porta posteriore della stessa chiesa, il portale romanico, e le sculture della colonna. Notizie più certe sulle origini di Orsomarso risalgono all'anno 1000. Si pensa che il nome del paese derivi dal termine "monte orrido" per chiara allusione al posto dove sorse. Non è da escludere, tuttavia, che il nome di Orsomarso derivi da un orso che andava a rintanarsi in un bosco posseduto dalla famiglia Marzo o Marzio, da qui le denominazioni trovate su diversi documenti storici: Ursomarcius, Ursomarzo, cambiata nel tempo nell'attuale Orsomarso. Il borgo si è sviluppato a piccoli nuclei intorno a monasteri e palazzi. Nel Medioevo e nei secoli successivi, in seguito al recupero culturale del monachesimo bizantino, la terra di Orsomarso ebbe diverse vicende. Orsomarso vive da sempre un particolare rapporto con la natura aspra e selvaggia, così ricca e varia, i suoi abitanti hanno un atteggiamento di profondo rispetto che ha permesso di salvaguardare un patrimonio di inestimabile valore. Numerose le grotte di origine carsica di eccezionale bellezza tra paurose balze rocciose che si alternano alla fitta macchia mediterranea. Tra le più importanti: la grotta del “Frassaneto”, che domina dall’alto di un ripido strapiombo la valle del Fiume Argentino, e la grotta “Valle Palazzo”, situata al culmine di uno scosceso canalone tributario del Lao, lunga oltre 400 metri ed attraversata da un torrente sotterraneo. Grande rilevanza di carattere storico-artistico e culturale ha la grotta dell'Arcangelo Michele che conserva al suo interno resti di affreschi bizantini; situata nella località “Simara”, fu dimora di San Nilo da Rossano, che dal 940 al 952/53, visse da eremita. In questo straordinario scenario è possibile praticare sport fluviali, come rafting, canoa, hidrospeed, canyoning ed arrampicata sportiva.

pagina in costruzione..

OrsomarsoOrsomarsoOrsomarsoOrsomarsoOrsomarsoOrsomarsoOrsomarsoOrsomarsoOrsomarsoOrsomarsoOrsomarsoOrsomarsoOrsomarsoOrsomarso


comune.orsomarso.cs.it
sindaco: Antonio De Caprio
Riviera dei Cedri